i
NUOVI UFFICI LAVAAL

Progetto:  Giovanni Vaccarini

Ingegneria:  Pierantonio Cascioli

Impresa esecutrice:  Pesic srl (opere edili), Faraone srl (vetro strutturale)

Collaboratori:  Michele Lucatuorto, Alessandro Tucci

Committente:  Lavaal srl

Località:  Mosciano S. Angelo (TE)

Disegnare il nuovo edificio per uffici della Lavaal è stata l’occasione per interrogarsi sul ruolo che un contenitore per uffici contemporaneo deve avere; le istanze del lavoro sono in mutazione, e, dato ancora più rilevante, è che le mutazioni non sono trasposte in un lontano futuro, ma spesso sono mutazioni che appartengono già al quotidiano. La possibilità di utilizzare spazi a funzione molteplice e la flessibilità organizzativa delle postazioni di lavoro, ha informato il disegno degli involucri interni nella scelta di un sistema di partizioni mobili poggiato su di un pavimento flottante attrezzato. La risposta al requisito della flessibilità è stato interpretato non soltanto nella definizione degli “involucri interni” ma anche nel disegno delle chiusure esterne; l’idea è stata quella di pensare un involucro capace di accogliere le molteplici variazioni degli usi interni, darne una risposta in termini di prestazioni ed allo stesso tempo capace di definire l’immagine “pubblica” della società Lavaal.
La capacità narrativa del sistema di facciata è stata affidata sostanzialmente a due materiali.
- il vetro strutturale (che disegna le trasparenze di tutti gli spazi collettivi dell’edificio -ingresso, distribuzione verticale ed orizzontale)
- i frangisole in alluminio (che disegnano l’interfaccia verso l’esterno di tutti gli spazi del lavoro).
Il sistema dei frangisole è interessante per almeno due ragioni:
1) dal punto di vista della composizione architettonica, riesce a disegnare una facciata mobile che muta continuamente la sua configurazione (la flessibilità è intrinseca allo stesso statuto compositivo)
2) dal punto di vista delle prestazioni riesce a garantire un controllo della luce e del soleggiamento ottimale, capace di dare beneficio sia sulla gestione energetica dell’intero edificio, e sia sul benessere dei singoli spazi di lavoro.